Come Vedere l’Aura

Per vedere l’aura di un soggetto

Ponete un soggetto a quarantacinque- settanta centimetri da una parete bianca spoglia. Evitate pareti tinte o tappezzate; Usate illuminazione indiretta o se possibile la luce del giorno naturale; Guardate il soggetto da almeno tre metri e mezzo; Chiedete al soggetto di rilassarsi, di respirare profondamente e di oscillare piano lateralmente tenendo le mani disgiunte lungo i fianchi; Guardate oltre la testa e le spalle del soggetto e concentratevi sulla parete dietro a lui o lei; Non guardate il soggetto, concentrandovi invece sulla trama della tinta o della superficie della parete; Mentre guardate oltre il profilo del corpo, dove inizia l’aria e finisce il corpo, vedrete una fascia di luce confusa attorno al soggetto, dai sei millimetri a un centimetro circa di spessore. Questa è l’aura eterica; Continuate a guardare oltre il profilo del corpo e dovreste vedere il soggetto come se fosse illuminato dal di dietro, a volte da un colore giallo brillante o argenteo. Un lato brillerà forse di più o pulserà leggermente. Raramente le aure sono uniformi; Ogni persona è diversa. Alcuni soggetti avranno aure meno visibili di altri e non sempre l’osservatore vedrà subito i colori. L’involucro indistinto o l’alone attorno al corpo sarà visibile nel giro di pochissimo, di solito dopo un minuto o meno. Sfruttate soggetti diversi e fate esperimenti con l’illuminazione e lo sfondo. Ben presto vedrete una seconda e più grande fascia di luce dagli otto ai settanta centimetri attorno al corpo. Questa è l’aura astrale. Di solito è più scura e più diffusa.

Per vedere la vostra stessa aura

Mettetevi davanti ad uno specchio ad almeno mezzo metro, possibilmente anche più distanti; Sistematevi in modo che nello specchio dietro di voi sia visibile una superficie di colore bianco o neutro; Rilassatevi, respirate profondamente e oscillate piano lateralmente; Focalizzatevi sulla trama della superficie della parete dietro voi; Mentre fissate la parete oltre la testa e le spalle, vedrete l’alone di luce attorno al corpo muoversi con voi mentre dondolate piano; Ricordatevi di respirare profondamente, dato che ora siete sia l’osservatore che il soggetto; L’illuminazione dovrebbe essere attenuata, né troppo luminosa né troppo scura. Sperimentate. Non si possono vedere aure nella totale oscurità e la luce brillante cancellerebbe ogni cosa tranne le aure più vibranti; Il colore degli abiti non è importante. Scoprirete forse che il vostro colore aurico, appena vi siete abituati a vederlo, striderà con alcuni capi del vostro vestiario, vedrete comunque i colori veri qualsiasi cosa indossiate; Fate esperimenti con la proiezione di un colore. Pensate ad un colore e cercate di visualizzarlo; tramite questo esercizio potete mutare temporaneamente il vostro colore di base e vedere il cambiamento; Mentre espirate, l’aura dovrebbe ampliarsi. Il declamare i numeri dall’uno al trenta con voce normale aiuterà a liberare l’energia. Respirate ogni due numeri. Accelerate il conteggio dal numero venti in avanti senza più fare respiri e osservate la vostra aura cambiare dimensione e vibrazione. Appena riprenderete a respirare normalmente con calma, l’aura tornerà alla sua dimensione precedente ma sarà un po’ più luminosa.

~ di hishtar su dicembre 31, 2009.

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: